Mussolente, parapiglia al cantiere Spv

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Stamani poco prima delle 11.00 a Mussolente in provincia di Vicenza è andato in scena un parapiglia tra alcuni attivisti del Covepa, il coordinamento dei comitati contro la Pedemontana Veneta, ed uno dei camionisti che lavora per conto di Sis, il consorzio privato incaricato della costruzione. Mentre gli attivisti, che avevano «regolarmente informato la questura» del loro sit-in contro gli «espropri ancora non pagati», appendevano alcuni striscioni alle recinzioni del cantiere in via Postumia, un autista alla guida del suo mezzo, questa la doglianza degli attivisti, avrebbe inavvertitamente agganciato un porzione della recinzione.

«Pur allertato da noi – racconta Massimo Follesa portavoce del Covepa presente in loco – il camionista ha proceduto verso l’ingresso d’un cantiere rischiando di far male a qualcuno» tra la dozzina di astanti presenti al momento. «Se si dovesse trattare di una intimidazione nei confronti di una manifestazione organizzata per protestare contro i mancati indennizzi per gli espropri – rimarca Follesa – faremo il diavolo a quattro e ci faremo sentire nelle sedi opportune». Il fatto è accaduto mentre a Roma o a Venezia la Sis incontrava, a meno di intoppi dell’ultimo minuto, i delegati di governo e Regione Veneto per sottoporre a questi ultimi un piano finanziario che dovrebbe permettere ai privati di reperire quei fondi, un miliardo e mezzo, che mancano all’appello per completare un’opera ancora incompiuta. Il cui onere è per gran parte in capo proprio al privato.

Tags: ,

Leggi anche questo