peugeot psa

Dopo i rumours del mese scorso, il gruppo automobilistico francese PSA (Peugeot Citroën) ha annunciato ufficialmente l’acquisto della tedesca Opel per 1,3 miliardi di euro. PSA diventa così il secondo costruttore auto in Europa dopo Volkswagen. Come scrive l’Ansa, dall’unione fra Psa e Opel nascerà un colosso da 4,3 milioni di veicoli, di cui 3 milioni in Europa, con 2 miliardi di utile grazie – come ha sottolineato il numero uno di Psa Carlos tavares – alla «progressiva convergenza delle piattaforme e dei motori».

La numero uno di General Motors, Mary Barra, in conferenza stampa a Parigi ha affermato che «l’accordo  è una vittoria per tutti gli azionisti, un successo di lungo termine. Insieme saremo più forti». Oltre all’acquisto di Opel e del marchio britannico Vauxhall, Peugeot-Citroen-Ds, riprenderà insieme alla banca BNP Paribas la filiale finanziaria di GM Europe per 900 milioni di euro. Psa punta ad un ritorno agli utili di Opel/Vauxhall nei prossimi tre anni, con un «margine operativo del 2% entro il 2020 e del 6% entro il 2026».