Vicenza, prof trans su sito escort: sospesa

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Di giorno insegna inglese in un istituto tecnico, ma qualcuno ha notato la somiglianza con una trans che appare in un sito di escort e che esercita proprio a Vicenza. Gli scatti sono finiti nelle mani del preside della scuola, dell’Ufficio scolastico del Veneto e anche dell’assessore regionale all’istruzione, Elena Donazzan. Ora, come riporta Cristina Giacomuzzo sul Giornale di Vicenza a pagina 15, scatterà un’ispezione per verificare la corrispondenza tra il profilo sul sito hard e l’insegnante, che nel frattempo è stata sospesa.

«Sono rimasta basita da queste immagini, questa persona è un educatore a contatto con degli studenti che cercano esempi positivi», ha dichiarato Donazzan. «Ho appena parlato con il preside – continua l’assessore -. Lui l’ha saputo solo ieri. Si ipotizzava fosse un insegnate che ha cambiato sesso. Ma mai prima di quel momento si era arrivati a sospettare che quella persona si prostituisse. Qui non si tratta di libertà di espressione e neppure di tendenze omosessuali. È molto di più. È una degenerazione. Credo che questa persona non sia adatta ad insegnare. E mi interrogo su come questo sia potuto accadere. Il problema sta nel vuoto normativo: non c’è nessuna valutazione attitudinale per essere inserito in graduatoria, basta un titolo di studio. Questa persona va tenuta lontana dagli studenti».

(Ph. DPA)

Tags: ,

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Alla fine farà la parte della vittima e dovremo pure risarcirla.
    Ormai, non è più un problema di gente “sbagliata” (spacciatori, ladri, violenti, prostitute), il problema serio è della cosiddetta gente “giusta”: i “giusti” hanno finito, per primi, di credere nei valori e nella necessità di una loro costante difesa, anzi, visto che sono gli “ultimi”, proponiamo per loro il reddito di cittadinanza.
    Normale che la parte peggiore della società ne approfitti.
    Dov’è la stranezza?