Addio Boncompagni: le sue battute migliori

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Gianni Boncompagni è stato un gigante della televisione e della musica italiana. Lo ricordiamo con alcune sue epiche perle.

«Il mio sogno è una polizia televisiva. Guidata da me, naturalmente».

«Gli italiani sono un popolo di credenti: a tutto».

«Con i reality abbiamo toccato il fondo della volgarità. Hanno un solo merito: sono laici, senza censure. È la vita di tutti i giorni mandata in onda. Chi li ha ideati è stato un genio».

«L’Italia, a parte la tarantella, non ha una grande tradizione di musica da ballo».

«La televisione d’inchiesta è facilissima da fare. Difficile è fare quella stupida».

«Il rito della serata davanti al piccolo schermo è passato di moda. La gente è cambiata e ci sono nuovi mezzi. È vero che la colpa è di una televisione scadente. Ma non c’è peggioramento, anzi c’è un miglioramento. La tv degli anni che a noi, ora, sembrano d’oro era spaventosa».

«Ho un biglietto da visita per ridere. Ma quasi tutti lo prendono sul serio. C’è il mio nome. E poi sotto, stampato: mai stato a Cortina. Mai stato a Sabaudia. Mai visto “La vita è bella”. Mai scritto un libro. Mai visto uno sceneggiato».

«La mia televisione è vuoto pneumatico».

«Non mi interessa la donna navigata: sono già navigato io».

«Se puttanata deve essere, che sia sublime».

«La televisione è come il chewing-gum. La mastichi un po’, senti il sapore, poi la butti».

«Io sono sempre stato ateo e morirò ateo. Sono ateo dalla nascita. Quando mi battezzarono feci un tale casino che dovettero smettere».

 


Fonti: Sabellifioretti.it, .Wikiquote.org, Le-citazioni.it

(Ph. Splashnews)

Tags:

Leggi anche questo

  • pachiara

    Sarebbero cacchi amari per lui, straateo incallito, se per caso avesse preso un granchio e, magari, chissà, nell’Aldilà ci sia Qualcuno ad aspettarlo: il Bonco però può contare sulla misericordia infinita di quel Qualcuno, anche di fronte alla sua spocchia terrena e alla sua avversione fanatica a Cristo e alla Sua Chiesa! Segnati questa battuta, Mannino e aggiungila all’elenco di cui sopra:” Chi morrà, vedrà! ”
    Auguri Buoncompagni!