«Uso scorretto di smartphone causa tumore al cervello»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Una sentenza destinata a far discutere quella data ad Ivrea. Un uomo, al quale è stato diagnosticato un tumore al cervello dopo che per 15 anni ha usato il cellulare per più di tre ore al giorno senza protezione, si è rivolto al tribunale convinto che le due cose abbiano un nesso. E il giudice gli ha dato ragione, condannando l’Inail a corrispondere una rendita vitalizia da malattia professionale. «Per la prima volta una sentenza riconosce un nesso tra l’uso scorretto del cellulare e lo sviluppo di un tumore al cervello – spiegano gli avvocati difensori a Repubblica – . Speriamo che la sentenza spinga ad una campagna di sensibilizzazione, che in Italia non c’è ancora».

Tags:

Leggi anche questo