Consoli chiede 3,5 milioni a Veneto Banca

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Vincenzo Consoli, ex direttore generale di Veneto Banca, ha chiesto 3,5 milioni all’istituto di Montebelluna. Come scrive Alessandro Zuin sul Corriere del Veneto a pagina 15, Consoli ha trascinato la banca davanti al Tribunale del lavoro di Treviso con due distinti ricorsi poi unificati. L’ex dg indagato per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza, chiede che Veneto Banca gli paghi la liquidazione in seguito alla risoluzione del rapporto di lavoro avvenuta il 31 luglio 2015.

In seguito a nuovi sviluppi giudiziari a carico di Consoli, la banca aveva deciso di pagargli “solo” 150 mila euro per l’indennità di mancato preavviso. Ma l’ex dg ritiene suo diritto ricevere tutti gli emolumenti previsti da uno schema di accordo con l’istituto. Dato che non c’è c’è alcun accordo transattivo, la banca di Montebelluna respinge le richieste del suo ex plenipotenziario.

(ph: exit.al)

Tags: , ,

Leggi anche questo

  • Francesco Cecchini

    Leggendo questa notizia i montebellunesi ricorda che Puppato, allora sindachessa di Montebelluna diede la cittadinanza onoraria a Consoli. Due giorni dopo gli organizzò una lezione magistrale nell’auditorium della biblioteca per gli studenti. La cittadinanza onoraria a Consoli è stata poi tolta dall’attuale amministrazione.