Giordani: «un referendum all’anno per i padovani»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Sergio Giordani, candidato di Pd, area civica e liste civiche alle prossime elezioni amministrative a Padova, apre alle consultazioni popolari: «le organizzeremo ogni anno, tra settembre e ottobre, cioè nel periodo prima dell’approvazione del bilancio – spiega Giordani in un articolo di Claudio Malfitano sul Mattino a pagina 20 – I cittadini avranno dai tre ai cinque quesiti sui temi che interessano la città e anche una scheda in cui potranno indicare le priorità per il loro quartiere». L’idea è di tenere i referendum nelle sale comunali e nelle palestre per non intralciare l’attività scolastica.

«Ci sarà la stampa delle schede e la diffusione di materiale che pubblicizza l’iniziativa, gli scrutatori saranno volontari civici coordinati da dirigenti e funzionari comunali – prosegue il candidato sindaco – Prevedo una spesa di poco più di 10 mila euro l’anno, una cifra irrisoria per dare voce ai padovani». «È un progetto di partecipazione mai attuato da nessuno: la prima volta che accade in Italia – aggiunge Giordani – sono assolutamente convinto che i cittadini non devono scegliere un sindaco ogni cinque anni che poi si disinteressa di loro». E conclude: «se un sindaco ha paura dei cittadini è meglio che faccia altro».

Tags: ,

Leggi anche questo