Veneto Banca, conflitto d’interessi in Comune a Montebelluna

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Il voto in consiglio comunale di Montebelluna sulla proposta di costituirsi parte civile contro gli ex amministratori di Veneto Banca è stato rimandato. Il motivo: quasi tutti i consiglieri possiedono azioni della banca, che potrebbe rappresentare un conflitto di interessi. Come scrive Enzo Favero a pagina 35 della Tribuna, ad avanzare il dubbio è stato Silvio Tessari del Pd, domandando se avere azioni determinasse incompatibilità a votare la mozione presentata da Sabrina Favaro, di Direzione Italia.

Il segretario ha letto la norma sull’incompatibilità, che sembra confermare il sospetto, pur non specificando il caso particolare di possesso di azioni di una banca popolare. Non è rimasto che sospendere la seduta e rinviare l’argomento per avere modo di interpellare degli esperti. È probabile che, come detto anche dal sindaco Marzio Favero (in foto), se non fosse emersa la questione della incompatibilità, la costituzione di parte civile sarebbe stata comunque bocciata, per non rischiare di danneggiare ulteriormente i soci che hanno visto ridursi al minimo il valore delle azioni.

Tags: , , ,

Leggi anche questo