«Italiani ribelli? 4 giorni di rivoluzione ma al quinto tutti al mare»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Silvio Orlando, attore pluriplemiato di origini napoletane, durante un’intervista al Messaggero fa un’affermazione singolare quando gli viene chiesto cos’è secondo lui l’Italia oggi. «Un posto in cui le ribellioni sono difficili. Puoi fare quattro giornate di rivoluzione, ma poi alla quinta devi andare al mare».

Proseguendo l’intervista, Orlando confessa di essere un «problematico. Mi rendo conto di non ispirare serenità. Mi angoscia l’euforia. Sarà insicurezza o semplicemente il non essere mai fino in fondo a mio agio». Infine conclude parlando della sua città: «Napoli è una città tragica che ha la dannazione di doversi tenere in piedi ogni santo giorno e nella quale ironia e teatralità servono a sopravvivere e a non impazzire».

(Ph: altrimondinews.it)

 

Tags:

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Un tempo erano i giullari gli unici cui era concesso deridere il Principe.
    Oggi ci sono gli attori.
    Gli uni e gli altri, sono spesso gli unici capaci di verità.