Veneto Banca, Puppato: «Brunetta irresponsabile, chieda scusa»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Laura Puppato, senatrice PD di Montebelluna, commenta in una nota le dichiarazioni fatte oggi da Renato Brunetta su Veneto Banca. «È incredibile, per me inconcepibile, che una figura istituzionale che nella sua vita ha svolto il ruolo di Ministro, seppure in uno dei peggiori governi oggettivamente dell’intera storia repubblicana, possa giocare al tanto peggio tanto meglio, forse profittando della settimana utile ai ballottaggi, in una situazione tanto delicata come quella di Veneto Banca e in generale delle banche venete».

«Brunetta – continua Puppato – non può non conoscere l’importanza della partita, l’attenzione e l’impegno del governo e soprattutto sa che andrebbero misurate le parole in questo frangente non sparate cose senza senso, quindi l’unica conclusione che ne possiamo trarre è che stia giocando al tanto peggio, nella speranza che un crack trascini giù il governo, senza alcuna considerazione per tutti i clienti, i dipendenti, le aziende e i risparmiatori dell’istituto bancario».

«Le parole di Brunetta sono prive di ogni fondamento, servono solo a creare confusione dove davvero non servirebbe – ha spiegato la senatrice PD – non c’è infatti alcun rischio di fallimento e in questi giorni la BCE ha riconfermato la disponibilità a fare il necessario per salvare le banche venete ridimensionando le proprie richieste, grazie allo straordinario lavoro del Ministro Padoan e di tutto il governo italiano che sta trattando sia in Europa che in Italia per salvaguardare azionisti e obbligazionisti di Veneto Banca».

«Un sedicente economista di fama internazionale, che si vanta da anni di aver sfiorato il Premio Nobel, non può non conoscere l’importanza delle dichiarazioni pubbliche in queste fasi, specie se arrivano da un ex-Ministro veneto. Brunetta se ancora in possesso di un po’ di amore per il paese, chieda scusa per il suo allarmarmismo inutile e se proprio non vuole favorire una soluzione, almeno taccia», ha concluso.

Tags: ,

Leggi anche questo

  • Mary Tietto

    qualcuno si ricorda se: Veneto Banca aveva finanziato Galan per 2 milioni di euro, Verdini per 7 milioni di euro, SENZA GARANZIE e il presidente Veneto Banca era Trinca e tutti questi signori non erano del partito di Brunetta?

  • don Franco di Padova

    Le banche, per poter fare affari, finanziano sempre i politici di qualsiasi partito che “conti”.
    Questo è uno dei motivi per cui i bancari responsabili la fanno sempre franca.
    Il sistema non può suicidarsi.

  • Ilario Fantuzzi

    Cosa dice la Puppato oggi?
    Conferma ancora che “non c’è infatti alcun rischio di fallimento”?
    Poreti i me schei!