Importuna turisti, veronese a carabinieri: «sono nipote di Trump»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Ha importunato vari turisti sul lungomare di Porto Santo Stefano, in provincia di Grosseto: si è messo ad un semaforo, in evidente stato di ebbrezza, chiedendo soldi in maniera insistente e tirando pugni alle auto di coloro che si rifiutavano di darglieli. Come scrive l’Arena, fermato dai carabinieri il veronese di 42 anni ha dichiarato: «sono il nipote di Donald Trump». Per l’uomo è stato richiesto un trattamento sanitario obbligatorio.

 

Tags: ,

Leggi anche questo