Profughi, prefettura: «via da Bagnoli, li ridistribuiremo»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Il centro di accoglienza di Bagnoli, nel padovano, verrà svuotato, questa la promessa della prefettura. Come scrive Angela Tisbe Ciociola sul Corriere del Veneto di oggi, edizione di Padova, a pagina 7, il centro ospita ad oggi poco meno di 800 migranti, quasi un terzo del totale della provincia. Dopo le proteste dei profughi di lunedì, nei giorni scorsi aveva fatto discutere la proposta del primo cittadino di Bagnoli Roberto Milan, che aveva chiesto la riapertura della caserma Prandina di Padova, dove spostare 300 richiedenti asilo dalla provincia; il sindaco di Padova Sergio Giordani aveva rifiutato.

Gli spostamenti dall’hub di Bagnoli dipenderanno dalla disponibilità di posti che si libereranno nelle varie piccole strutture della provincia gestite dalle cooperative vincitrici del bando per l’accoglienza, dunque non ci sono tempistiche certe né previsioni. Solo nove comuni della provincia (su 104) hanno aderito al progetto Sprar (sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) del governo: Cadoneghe, Vigodarzere, Este, Piove di Sacco,  Ponte San Nicolò, Padova, Piazzola Sul Brenta, Rubano e Bagnoli di Sopra, mentre molti altri rimangono sulla posizione del rifiuto totale degli arrivi, tra cui Cittadella e San Martino di Lupari.

 

Tags: , ,

Leggi anche questo