Evasione fiscale, 27.500 denunciati: 56 miliardi di sommerso

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Nel 2016, tra evasori totali, paratotali, lavoratori completamente e parzialmente in nero, sono state oltre 27.500 le persone denunciate dalla Guardia di Finanza. Lo rileva la Cgia di Mestre secondo la quale – riporta L’Arena a pagina 7 – l’azione di contrasto all’evasione fiscale e contributiva ha consentito di individuare 55,7 miliardi di euro di imponibile non dichiarato. «L’ottimo risultato raggiunto anche nel 2016 – osserva Paolo Zabeo, coordinatore della Cgia – è riconducibile alla politica adottata negli ultimi anni dall’amministrazione finanziaria che ha intensificato l’azione di contrasto specie nei confronti dei grandi evasori. Finalmente si è capito che il recupero di quote importanti di evasione lo si ottiene attraverso il controllo delle operazioni estero su estero, oppure tramite una minuziosa azione di monitoraggio sulle grandi aziende».

Negli ultimi 16 anni l’attività dei finanzieri contro l’evasione fiscale ha consentito di fare emergere oltre 562 miliardi di euro di imponibile evaso e di scovare quasi 537.000 evasori. «Secondo i dati più recenti messi a disposizione dalla Corte dei Conti nella Relazione sul rendiconto generale dello Stato 2016 – conclude Zabeo – negli ultimi anni l’incidenza della riscossione sull’accertato di competenza è in costante aumento: nel 2016 ha raggiunto il picco massimo del 20,5%. Una quota che in termini assoluti corrisponde ad un incasso di competenza di circa 13,2 miliardi. Importo, quest’ultimo, che non include gli effetti della voluntary disclosure che l’anno scorso ha garantito 4,3 miliardi di gettito». Secondo le ultime stime elaborate dall’Istat, l’economia sommersa in Italia si aggira attorno ai 194,4 miliardi di euro all’anno, pari al 12% del Pil.

Tags: ,

Leggi anche questo

  • Lupis Tana

    i dati son giusti? boh a me pare di no. t l