Unioni civili, Arcigay: 55% italiani favorevoli

Ieri agli “Stati generali per il matrimonio egualitario”, convocati a Villa Lattes a Vicenza, dall’Arcigay si è svolto un nuovo dibattito sul tema caldo di queste settimane: le unioni civili omosessuali. Protagonisti della conferenza esponenti importanti del mondo politico e culturale: Rosanna Filippin, senatrice Pd che siede a Roma in commissione Giustizia, Francesca Businarolo, deputata M5s, Michele Di Bari, docente all’Università di Padova e Camilla Seibezzi, esperta di diritto civile.

«Si arriverà ad una legislazione sulle unioni civili – promette la senatrice Filippin – ci siamo impegnati con proposte e sul tavolo ce ne sono diverse. Una riporta gli stessi diritti del matrimonio, altre sono più articolate, con varie equiparazioni dei diritti, salvo l´adozione, che verrebbe limitata alla “Step child adoption” cioè l´adozione di figli di uno dei partner. Mi auguro che avendo fatto concessioni a altre forze politiche di maggioranza, queste si adeguino». Invito che sembrerebbe accolto dalla deputata pentastellata Brusinarolo: «leggeremo il testo; noi non siamo in maggioranza, ma quando condividiamo i temi facciamo la nostra parte». Enrico Peroni dell’ Arcigay Vicenza, moderatore della discussione, ha ricordato come nell’ultimo anno e mezzo, secondo un sondaggio, la percentuale di italiani favorevoli alle unioni tra persone dello stesso sesso sia cresciuta del 13 per cento, arrivando oggi al 55%.

Tags: ,

Leggi anche questo