Tira più un pelo di Liga…

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Lega addio, il Veneto ti ripudia e rilancia la nuova versione della Liga veneta. A mandare tutti in bestia non sono state le ruberie del partito ma le scelte strategiche inconcepibili. “I schei rubà par crompare le mudande verdi sarìa anca perdonabili – ha spiegato un militante rodigino all’assemblea annuale – ma la laurea del figlio di Bossi in Albania proprio no. Co tute le robe bele che ghe xe da rubare, proprio el toco de carta? Fosse sta almanco un toco de gnocca, se podeva ragionar”.

Ciò nonostante la nuova Liga Veneta fatica a riprendere corpo. Troppi campanilismi, perfino per organizzare il primo congresso regionale. “La sede ga da essere a Treviso – ha preteso il consigliere trevigiano Visentin – semo nialtri quei con più storia. E solo a Treviso ghe xe posto a sedere par tuti: co tute le panchine che ga cavà Gentilini, ghemo una scorta che gnianca Moira Orfei”. “Gnanca par sogno – ha replicato a muso duro il delegato Trevisan da Verona – La sede ga da esere da nialtri; ghe vole facce che fa veramente paura al resto d’Italia. Qui ghemo Flavio Tosi e tuta la curva de le brigate gialoblu: i gavio mai vardà? Genny ‘a Carogna al confronto xe un chiricheto”.

“Tute cassade – ha interrotto Padovan da Venessia – Ne serve una città simbolo, cioè la mia: chi xe che non conosse Venessia? Podemo ocupare tuti insieme el campanil de San Marco. Gavaremo più visibilità dei Serenisimi e sensa gnianca rubar el vaporeto: a ne bastarà pagare el bilieto e dismontare ala fermata giusta. Se rivemo tuti sensa perderse, sarìa la prima volta nea storia. Roba che ne fa l’apertura anca el New York Times!”.

“Anca noialtri ghe semo – hanno urlato silenziosamente i delegati Rodigini, da Belluno e Bellunese da Rovigo – Sarìa giusto che la nuova Liga desse finalmente un segno ocupandosi dele realtà pì picole, le nostre”. Purtroppo è dai tempi delle elementari che tutti dimenticano Rovigo e Belluno quando imparano le sette città venete: mancando una carta geografica in sala, nessuno ha potuto confermare che facciano davvero parte della regione.

Così la disputa è stata chiusa da Veronesi, il delegato di Vicenza: “Semo noialtri i più giusti per il grande congreso. Vicensa xe comoda da rivarghe e sopratuto ideale par non dar nell’ocio: qua la Lega se ga fato trombare da venti ani, e questo poe starghe; ma la se ga fato trombare da gente come Hüllweck e Variati, e questo no. Se la Lega de Bossi ga perso parfin contro sti democristiani mascherà, nialtri podemo farghea anca co Bracobaldo e Peppa Pig capolista. Dai che xe davero la volta bona”

Tags: , , ,

Leggi anche questo