Accuse croate a Galan, lui: «Querelo»

Si susseguono le smentite sul nuovo caso Galan, accusato dal deputato croato Damir Kajin di corruzione e concessioni illecite. La questione viene seccamente smentita dai legali dell’ex ministro Niccolò Ghedini e Antonio Franchini.

«Le dichiarazioni rese dal deputato istriano Damir Kajin meritano una smentita radicale, appaiono esercizio di pura fantasia e sono palesemente diffamatorie – sostengono gli avvocati -. L’on. Galan non è mai stato titolare nè diretto nè indiretto di cave di pietra in Istria, nè, tantomeno, ha ottenuto la concessione delle stesse attraverso pretese attività illecite, e si rivolgerà, quindi, all’Autorità giudiziaria per esperire tutte le azioni che riterrà opportuno a tutela della verità».

Tags:

Leggi anche questo