Cori razzisti a Verona? Tosi contro Figc: chiedo i danni

Il Comune di Verona contro la FIGC. Palazzo Barbieri querelerà gli ispettori della procura sportiva che hanno verbalizzato i presunti cori di discriminazione razziale contro il  centrocampista del Milan Sulley Muntari durante la partita con l’Hellas di domenica. Una vicenda che ha portato alla chiusura di due turni della Curva Sud del Bentegodi e un’ammenda di 50 mila euro per il club.

Il dubbio è che a fronte di ampia casistica, e gli episodi sono veramente molti, ora scattino pericolosi automatismi. Il sindaco Flavio Tosi attacca: «In considerazione del fatto che questi cori pare che non li abbia sentiti nessuno e che non vi siano neppure riscontri audiovisivi che li confermino, troviamo che quanto riportato dagli ispettori porti a dare un’etichetta razzista a Verona. Per questo ho proposto alla giunta comunale, che ha accettato, di querelare i tre ispettori federali per il danno d’immagine arrecato alla città».

Anche la società rossonera ha appoggiato la posizione dell’Hellas: «Eccessiva la pena di 50 mila euro e la chiusura della curva», diceva ieri Milan Channel. Mentre i sostenitori del Verona si mobilitano: un legale, l’avvocato Roberto Bussinello, depositerà pure lui, oggi, un esposto-denuncia contro gli ispettori della Figc. E la Curva Sud ha invitato tutti i tifosi a restare fuori dal Bentegodi perlomeno fino al fischio d’inizio della prossima gara interna, con la Lazio, giovedì prossimo.

Tags: ,

Leggi anche questo