Mose, filo rosso con Burlando

Cos’ha in comune lo scandalo veneziano Mose con Genova alluvionata e la Liguria del governatore (prima dalemiano, poi bersaniano e oggi renziano) Claudio Burlando? Ha in comune un signore, che si chiama Alessandro Mazzi. E’ il vicepresidente del Consorzio Venezia Nuova (Cvn), finito nel gorgo delle indagini in laguna sommergendo il Veneto galaniano (e non solo: l’unico esponente di spicco che avrà un processo è a tutt’oggi l’ex sindaco Giorgio Orsoni, centrosinistra). L’ingegner Mazzi da Verona si è unito alla schiera dei patteggianti, cioè praticamente tutti: due anni di reclusione. L’accusa era di aver permesso con le sue società di costituire circa 6 milioni di fondi neri per il Cvn.

Ma il Mazzi fa contemporaneamente capolino pure in costa ligure, vicino vicino al Burlando. Era, per esempio, tra i “promotori” del pensatoio che ha accompagnato la carriera del politico Dem, il “Maestrale”. Il Secolo XIX aggiunge un tassello: una fedelissima di Burlando, l’assessore regionale alle infrastrutture Raffaella Paita (con delega alla Protezione civile), avrebbe sostenuto la causa di un’azienda di Mazzi, la Fincosit, per spostarne la sede in una zona più ambita. La richiesta era stata presentata all’Autorità portuale, il cui presidente, Luigi Merlo, è marito di Paita nonché ex assessore ai trasporti sempre con Burlando.

Insomma, è tanto vicino, il Mazzi, da compiere gesti per così dire incomprensibili. La Fincosit (partecipata al 30% dal Consorzio Venezia Nuova, dopo l’arresto aveva mollato la presidenza continuando però ad essere il socio di maggioranza relativa), nel 2013 si era rivolta al Tar perchè lasciata fuori dalla costruzione del secondo lotto dei lavori sul Bisagno, il torrente genovese che ha esondato il 9 e 10 ottobre scorso. In quel momento il commissario dell’opera era il prefetto Giuseppe Romano, mentre da maggio di quest’anni è il governatore Pd. E che ti fa la ditta del Mazzi? Rinuncia al ricorso. Brutto posto, il tribunale, per parlare serenamente con l’amico Burlando.

Tags: ,

Leggi anche questo