Mose, la Mantovani vuole 37 milioni da Baita

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

L’ex presidente della Mantovani Piergiorgio Baita, arrestato nel febbraio 2013 per lo scandalo Mose, si è visto recapitare dalla sua ex-azienda una richiesta di risarcimento per danno di immagine di 37 milioni di euro. «Baita è l’uomo che ha tirato su la Mantovani e l’ha fatta diventare grande – spiega al Corriere Veneto Romeo Chiarotto, patron della Mantovani – ma è anche l’uomo che l’ha quasi distrutta, rischiando di farla precipitare nel baratro».

L’azienda di costruzione padovana “Ing. E. Mantovani” è presieduta da Carmine Damiano e ha attualmente in cantiere alcune importanti opere, fra cui la terza corsia dell’autostrada A4 fra Venezia e Trieste, la piastra espositiva di Expo 2015 e il Centro di prontoterapia di Trento.

Tags: ,

Leggi anche questo