Mafia in Veneto, punto della situazione a Mestre

Domani nell’auditorio del Centro Servizi di Mestre in via Forte Marghera 191, a partire dalle ore 9:30 l’assessore provinciale all’Ambiente Paolo Dalla Vecchia aprirà i lavori del secondo seminario di formazione del progetto “Conoscere le mafie, costruire la legalità”, con Massimo Giorgetti assessore della Regione del Veneto Rappresentante di Anci Veneto e Claudio Piron referente regionale di Avviso Pubblico.

Si tratta di un’iniziativa promossa dalla Regione del Veneto, Anciveneto e l’Associazione Avviso Pubblico – Enti locali e Regioni, per la formazione civile contro le mafie. Il seminario gratuito è rivolto ad amministratori, funzionari e operatori degli enti locali, forze dell’ordine, nonché rappresentanti di associazioni di categoria e organizzazioni sociali ed altri soggetti che svolgono attività sui temi della prevenzione e del contrasto al crimine organizzato e della promozione della cultura della legalità.

PROGRAMMA

9:30-10:00 Saluti introduttivi
Massimo Giorgetti, Assessore della Regione del Veneto Rappresentante di Anci Veneto
Paolo Dalla Vecchia, Assessore della Provincia di Venezia
Claudio Piron, Referente regionale di Avviso Pubblico

Ore 10:00-10:25
“Le mafie in Veneto: il punto della situazione” Roberto Terzo, Magistrato della Procura della Repubblica di Venezia

Ore 10:25-10:50
“Quanto costa la corruzione? Perché è conveniente contrastarla?” Alberto Vannucci, Docente di Scienza Politica all’Università di Pisa

Ore 10:50-11:15 Dibattito
Moderatrice: Roberta Polese, Corriere del Veneto

Ore 11:15-11:30 Break

Ore 11:30-12:00
“La gestione dei rifiuti nel Nord Est: quale business per le mafie?” Alessandro Bratti, Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati

Ore 12:00-13:00 Dibattito
Moderatrice: Roberta Polese, Corriere del Veneto

Ore 13:00-14:00 Buffet

Ore 14:00-15:30 Laboratori
Laboratorio 1. “Mafie e tutela dell’ambiente. L’esperienza dell’ Osservatorio “Ambiente e legalità” del Comune di Venezia”. Obiettivo: raccontare come un ente locale può dare vita ad una struttura in grado di monitorare costantemente le dinamiche di penetrazione di un’organizzazione criminale in un territorio e pensare a politiche di prevenzione. Il laboratorio sarà tenuto da Gianni Belloni, Direttore Osservatorio Ambiente e Legalità – Comune di Venezia.
Laboratorio 2. “La gestione del rischio corruzione: dal Piano nazionale anti-corruzione ai piani triennali per la prevenzione negli enti locali”. Obiettivo: attraverso l’analisi critica di alcuni piani triennali per la prevenzione negli enti locali, saranno discussi potenzialità e limiti di tale approccio. L’obiettivo è quello di fornire elementi per un affinamento della procedura di calcolo del rischio corruzione, anche tramite il ricorso ad esempi e casi di studio relativi all’area di contrattazione pubblica, al governo del territorio, alle attività di controllo. Il laboratorio sarà tenuto dal Prof. Alberto Vannucci.
Laboratorio 3. “Prevenire la penetrazione criminale nell’economia e il ruolo dell’imprenditoria”. I progetti di Unioncamere Veneto. Obiettivo: raccontare le iniziative degli attori istituzionali del mondo dell’economia per garantire la legalità. Spunti e riflessioni per la costruzione di una rete territoriale in Veneto per combattere le infiltrazioni criminali nell’imprenditoria. Il laboratorio sarà tenuto da Valentina Montesarchio, Vice Segretario Generale Unioncamere Veneto

Ore 15:30-16:30 Plenaria
Conduce: Francesco Vignola, formatore e collaboratore di Avviso Pubblico

Tags:

Leggi anche questo