Generale Usa in quarantena: «non siamo untori»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Darryl Williams, comandante dell’Us Army Africa e della Setaf (Southern European Task Force) ha risposto in teleconferenza alle domande di alcuni cronisti. «La scelta di farci rientrare a Vicenza è stata dei vertici militari americani, noi abbiamo obbedito a degli ordini. Le precauzioni che sono state prese al nostro rientro – ha sottolineato – sono state decise per rassicurare i nostri connazionali, il personale della base, i vicentini e l’intera Italia: questo è un controllo supplementare. Quando siamo giunti in Liberia – ha raccontato – abbiamo dato il cambio ad un contingente cinese in quella che è una grande operazione umanitaria, e vede impiegati oltre mille militari di varie nazionalità».

Il generale, attualmente l’ufficiale statunitense di più alto grado presente in Italia, ha concluso sottolineando come «i militari che sono i Liberia non vadano assolutamente additati come portatori di malattia, ma come operatori e professionisti nell’ambito di una grande operazione per la salute mondiale. Il nostro compito è stato nella logistica ed infrastrutture, per la costruzione di cliniche per esami mobili senza entrare in contatto con malati né con i sanitari; in tutto ne stiamo costruendo una dozzina».

Tags: ,

Leggi anche questo

  • Dino Bertocco

    PRESIDENTE ZAIA: SI DOCUMENTI PRIMA DI SPARLARE

    Non c’è niente da fare: il Presidente Zaia è irresistibilmente condizionato dalla sua
    lingua che è più veloce del pensiero. Si erge a difensore dei veneti, mentre –
    ancora una volta – è invece impegnato a rinfocolare fantasmi e paure in un
    gioco preelettorale talmente scoperto e sostenuto da apparato informativo interno che gli dovrebbe consigliare maggiore prudenza. L’argomento ebola è troppo serio per farlo maneggiare ad amministratori politicanti: lasci parlare i responsabili sanitari dell’ULSS vicentina e della struttura regionale e prima di sparare nel vuoto si documenti. Visto che, quando si parla di immigrazione, il suo “mantra” farisaico è “aiutiamoli a casa loro”, prenda nota che i militari americani ritornano da una missione umanitaria internazionale in Liberia per la quale dovremmo essere loro grati e considerarli alla stregua di connazionali impegnati in programmi di solidarietà la cui gestione ed il cui obiettivo li rendono del tutto estranei alla logica tribale “casa nostra, casa loro”.