Veneto, 10% popolazione è straniera

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Il 10,4% dell’intera popolazione residente in Veneto, 514 mila persone, è di origine straniera. Nel 2013 si è registrato un aumento di 27 mila unità; del totale, 42 mila sono i lavoratori disoccupati sui circa 200mila totali in Veneto, mentre le imprese avviate da stranieri sono 41mila, pari al 5,8% del totale dell’imprenditoria regionale. Il lavoro straniero determina circa il 5% del Pil regionale. Il 90% delle scuole venete ospita studenti stranieri. Le province con il maggior numero di stranieri residenti sono Treviso e Verona con oltre 100.000 unità, seguite da Vicenza e Padova sopra i 95.000.

Questo ed altro emerge dal “Rapporto Annuale 2014 sull’Immigrazione in Veneto”, presentato oggi a Venezia dal Presidente della Regione Luca Zaia, presente il direttore di Veneto Lavoro, Sergio Rosato, che ha realizzato la rilevazione. «Questi numeri – ha detto Zaia – testimoniano di una realtà di seria integrazione e smentiscono clamorosamente lo stereotipo razzista che ci si vuol affibbiare, ma ci dicono anche che su questo fronte abbiamo già dato. Il Veneto è quarto dopo Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna per numero di immigrati presenti, e quando la presidente della Camera Boldrini esorta il Veneto a fare la sua parte nell’operazione ‘Mare Nostrum’, parla senza conoscere i dati. Ci sono 16 Regioni prima di queste 4 a cui rivolgersi».

Tags: ,

Leggi anche questo