Finte coop, Cgil: servono ad eludere

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Sciopero, oggi, dei soci lavoratori della Omega Group del cantiere della TNT di Altavilla Vicentina. Obiettivo: rivendicare il pagamento dell’indennità di malattia e infortunio, l’indennità di disagio e il pagamento del pregresso sulle differenze salariali che la precedente cooperativa Mega Coop, consorziata con lo stesso consorzio Gesco Centro, non aveva versato ai soci lavoratori.

A spiegare i motivi della protesta è la Filt Cgil di Vicenza che ripercorre anche la vicenda dei lavoratori. «L’1 Luglio 2014, presso la TNT di Altavilla Vicentina, alla cooperativa Mega Coop è subentrata la cooperativa Omega Group, facente parte del consorzio Gesco Centro. Nell’ambito del cambio di appalto, gestito dalla Filt Cgil, la cooperativa uscente, insieme alla cooperativa subentrante e al consorzio, pur essendosi impegnata a liquidare le differenze salariali pregresse e ad applicare il contratto del settore merci e della logistica nella parte salariale e normativa, ha disatteso tutto ciò».

«Questo settore, che coinvolge nella nostra provincia migliaia di soci cooperatori, necessita di legalità e rispetto delle regole. Già oggi i lavoratori di queste Cooperative sono sottoposti a condizioni di lavoro precario e insicuro e a retribuzioni da fame. Inoltre abbiamo constatato che in questa provincia la ‘forma cooperativa’ è utilizzata come forma di impresa più efficiente, dove si riescono ad eludere vincoli contrattuali e/o legislativi, ovvero i diritti consolidati in decenni di lotta dei lavoratori. A peggiorare la situazione – conclude la Filt – è la crisi produttiva e occupazionale senza precedenti, che porta ad una competizione sleale fra le stesse, in guerra tra di loro su chi riesce a tagliare più diritti ai propri soci in una gara al massimo ribasso».

Tags: ,

Leggi anche questo