Indagini su Porto Marghera, Confindustria: sconfortati

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«All’indomani delle pubblicazioni di questo nuovo filone di indagine relativo alle bonifiche di Porto Marghera, le reazioni che si respirano all’interno dell’organizzazione e delle imprese di Porto Marghera di Confindustria Venezia sono di grande disillusione e rabbia». Questo il commento del presidente Confindustria Venezia Matteo Zoppas alla nuova indagine che coinvolge le bonifiche a Marghera. «Queste richieste esose relative ad un supposto danno ambientale, che si aggiungono al costo della bonifica (peraltro allora già molto elevato) – aggiunge Zoppas -, hanno enormemente aumentato i costi di gestione dell’area e quindi i prezzi dei terreni, rallentando e complicando l’evoluzione dell’area e la sua possibile riqualificazione attraverso progetti alternativi di investimento».

«L’ipotesi, perché di questo ancora si tratta, che pratiche illegali possano provenire da figure di riferimento, molto conosciute e decisive nei procedimenti in quanto parte delle istituzioni dello Stato – conclude – è doppiamente sconfortante. Sicuramente il tasso di corruzione diffuso nel nostro Paese, dovuto anche ad una burocrazia ingessata, non fa che aggravare le distanze con i nostri competitor quanto a onere dei fattori produttivi».

Tags: ,

Leggi anche questo