«Americani a Vicenza, problema di sovranità»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Nel pomeriggio di giovedì 30 Ottobre, i militanti di Ariete hanno tenuto un presidio in Corso Palladio, all’altezza di Contrà Cavour per ridare fiato alla protesta di due settimane fa. Infatti, già più di 15 giorni fa, i militanti identitari avevano fatto sentire la loro voce in occasione del Consiglio comunale. Seduta in cui era stata avanzata dal consigliere Rucco un’interrogazione per chiedere delucidazioni in merito al dispiegamento di militari americani in Liberia. Già all’epoca, primi fra tutti in città, i militanti di Ariete avevano posto due problemi: il primo di natura sanitaria, paventando quello che sta avvenendo in questi giorni al rientro dei militari dal teatro operativo.
Il secondo, non meno preoccupante, riguardante la sovranità: evidentemente a Vicenza è dislocato personale militare straniero adatto ad operare in contesti ad alto rischio batteriologico; logico chiedersi quali attrezzature siano presenti all’interno delle basi americane sul nostro territorio. Vogliamo con le nostre azioni svegliare le coscienze dei vicentini e chiedere una risposta decisa alle autorità italiane: i militari devono scontare la quarantena nel loro paese d’origine, gli Stati Uniti! Contemporaneamente a Padova, i militanti dell’associazione “La Contea” portavano avanti la stessa questione.

Ariete spazio identitario

Tags: ,

Leggi anche questo