Porto offshore a Venezia, Serracchiani: faraonico e inutile

«Sulla piattaforma offshore di Venezia ho già detto da tempo che mi pare un’opera non soltanto faraonica e molto costosa, ma anche inutile per quanto riguarda le dinamiche dei porti dell’Alto adriatico». Così il presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani sull’ipotesi della costruzione di un porto “galleggiante” ai margini della laguna di Venezia. Il progetto, che dovrebbe valere sui 2,2 miliardi di euro, è ritornato alla ribalta dopo che in ottobre il ministro alle Infrastrutture Lupi aveva dichiarato di aver recuperato nella legge di stabilità i 95 milioni necessari per finanziare l’inizio dell’iter del progetto.

Reazioni negative erano arrivate allora da parte di esponenti dello stesso Pd. «Da Ravenna a Trieste, per arrivare fino a Capodistria e Fiume – ha concuso Serracchiani – non abbiamo bisogno di una piattaforma offshore dove far fermare le navi grandi per poi scaricare le merci e farle arrivare negli altri porti. Questo significa aumentare i costi ma soprattutto fare quelle opere che il Paese deve evitare di fare, cioè quelle che non servono».

Tags: ,

Leggi anche questo