Veneto, Pd sceglie: primarie Moretti vs Rubinato

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La direzione regionale veneta del Pd tenutasi a Padova ha deciso: per la candidatura alla presidenza della Regione nel 2015 si faranno le primarie. A farlo sapere per prima è stata l’ex candidata unica Alessanda Moretti che a metà pomeriggio, a riunione appena iniziata, ha inviato un comunicato che in sostanza diceva: facciamole, purché le facciamo subito. Il segretario regionale del partito, Roger De Menech, ha proposto alla direzione di anticipare la data: «Il Pd in Veneto è unito, e l’obiettivo è ora quello di conquistare la Regione» ha detto De Menech.

La Moretti nel frattempo aveva spiegato: «Davanti al rischio di vedere il Pd veneto spaccarsi intorno a questa scelta, ho deciso di rompere gli indugi e chiedere alla direzione regionale di indire le primarie e fissare una data che sia entro la fine di novembre», sentendo «la necessità forte di entrare subito nel vivo della competizione, perché siamo davanti a un’occasione storica e bisogna fare presto. Non ci sono qui in gioco le carriere e i destini politici personali, ma c’è solo il Veneto, una terra che necessita ora come non mai di azioni efficaci e concrete, e quindi non dobbiamo perdere un solo altro minuto. Questa è una partita fondamentale per tutto il Pd e la vinceremo».

«Auspico – continua – che queste primarie rappresentino l’opportunità per un vero superamento delle logiche di corrente: anche in questo caso tattiche, strategie sterili e giochi di appartenenza politica rischiano di mettere in pericolo il raggiungimento del nostro obiettivo che è solo quello di riprenderci il Veneto. Il Pd – dev’essere più che mai forte e compatto: non possiamo permetterci dissidi interni in questo frangente delicato». La data al momento più probabile per la consultazione sembra essere quella del 30 novembre anche se più di qualcuno spinge per l’originaria data del 14 dicembre. In campo oltre ad Alessandra Moretti ci sarà anche Simonetta Rubinato.

Tags: ,

Leggi anche questo