Aprilia, vittoria amara: operai in cassintegrazione

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Vittoria amara per i lavoratori Aprilia di Noale e Scorzè (Venezia) quella del motomondiale Superbike, dove domenica si è imposta la scuderia sia nella classifica costruttori sia con il miglior pilota (il francese Sylvain Guintoli). E’ il titolo numero 54 per la scuderia veneziana, ma non basta a far dimenticare la grave crisi che sta passando l’azienda. «Dalla fine di novembre la produzione dello stabilimento di Scorzè si fermerà e quasi tutti i trecento operai rimarranno a casa, in cassa integrazione», spiega al Corriere del Veneto Giancarlo Carlin, delegato Fiom in Aprilia.

L’azienda, che dal 2004 fa parte del gruppo Piaggio, produce ogni anno nei due stabilimenti veneti 27 mila tra scooter e motociclette. Per il 2015 è prevista la produzione delle versioni rinnovate dalla Tuono e della Rsv4: a detta dei sindacati, però, questo non basterà a rilanciare l’azienda soffocata dalla contrazione del mercato.

Tags:

Leggi anche questo