Tarzo, musulmano rifiuta cure per il figlio

«Ha detto che a curare suo figlio ci pensa Allah: ma quale religione dice di non curare il proprio figlio ammalato?». Queste le parole del sindaco di Tarzo Gianangelo Bof, che si trova di fronte al caso di un padre musulmano che impedisce le cure del figlio undicenne, ricoverato in gravi condizioni all’ospedale.

La situazione è stata segnalata al primo cittadino del comune trevigiano dagli assistenti sociali, preocupati per l’aggravamento delle condizioni del giovane ragazzo. Lo stesso soffre di una patologia legata al metabolismo aggravatasi al punto da rendere necessario il ricovero per trattamenti specifici ed urgenti. E proprio a questi il genitore si sta opponendo con fermezza. «Rifiuta medici e infermiere donne. Se non cambierà – conclude Bof – denuncerò tutto al Tribunale per i minorenni».

Tags:

Leggi anche questo