Treviso, Lega: Ztl pericoloso, Manildo lo sgomberi

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Arrivano le reazioni della Lega Nord alle dichiarazioni di Gaia Righetto, portavoce del collettivo Ztl che da fine ottobre occupa l’ex caserma Piave di Treviso. «”Sparare ai leghisti” è una espressione che non avremmo mai più voluto sentire – ha dichiarato il capogruppo leghista in consiglio comunale Federico Caner – e che, come sosteniamo da tempo, colloca il Kollettivo Ztl in una posizione di pericolo effettivo. Il sindaco Manildo, col suo colpevole silenzio, la smetta di coprire questi soggetti: è ora che l’intera maggioranza condanni queste parole e prenda le distanze dall’illegalità in cui si muove Ztl, chiedendo a Prefetto e Questore di sgomberare immediatamente l’ex caserma Piave oggi ribattezzata Centro Sociale Django».

«Chiedo a Manildo, appena si riprende dall’ubriacatura delle Primarie del Pd – continua Caner -, di non tollerare oltre queste minacce alla Lega, da prendersi sul serio visto che arrivano da gente abituata ad azioni illegali come queste continue occupazioni. Il sindaco li sgomberi subito e li escluda da ogni futuro bando per la concessione di spazi cittadini: basta spalleggiare chi agisce contro la legge, basta fruire dell’appoggio politico e elettorale di questa gente, basta accettare il pericolo reale che costituiscono, in nome del ‘volemose bene’. Il nuovo centro sociale, che ora ha pure un nome, va sgomberato con le buone o con le cattive. Altrimenti il sindaco – conclude il capogruppo leghista – se ne assumerà ogni responsabilità non solo politica, visto che ora si parla di sparare ai leghisti».

Tags: ,

Leggi anche questo