Verona, 116 anni di Fieracavalli

Da oggi fino al 9 novembre a Veronafiere si terrà la 116^ edizione di “Fieracavalli”. Alla rassegna partecipano oltre 650 aziende provenienti da 25 nazioni, che mettono in mostra 2.735 cavalli di 60 razze da tutto il mondo; l’anno scorso i visitatori furono 158 mila. «Siamo riusciti – ha dichiarato il presidente di Veronafiere Ettore Riello – a porre sempre più attenzione a questo mondo, riuscendo a creare tutta una serie di risvolti che rappresentano per il settore un nuova grande opportunità. Dopo una serie di progetti avviati qualche anno fa abbiamo individuato una iniziativa sul turismo che oggi comincia a dare risultati confortanti».

«Mi pare che i numeri – ha osservato il sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe Castiglione – dicano già da soli l’importanza di questa fiera. Una presenza così massiccia e partecipata dà il segnale di una manifestazione che cresce di anno in anno e ormai ha un suo appeal, e per noi significa vivere la ruralità”. “Il cavallo – ha concluso Castiglione – significa investimenti, turismo, rappresenta tutto quello che sta nascendo attorno all’agricoltura sociale, ma significa anche politiche agricole».

La Fiera di Verona è nata il 14 maggio 1898 proprio come fiera del mondo equino. Già dopo pochi anni acquista un carattere internazionale, con la presenza di esemplari provenienti da tutta Europa, ed è attrattiva per le più alte cariche dello Stato fin dai tempi in cui re Vittorio Emanuele III rese visita alla fiera nel 1906.

Tags:

Leggi anche questo