Veneti tartassati: 8 miliardi in due mesi

Secondo Fabbrica Padova, centro studi di Confapi, i contribuenti del Veneto dovranno versare 8,55 miliardi di euro di imposte fra novembre e dicembre. «Molte delle scadenze di novembre e dicembre riguardano appuntamenti mensili previsti. Di fatto, però, è evidente che creeranno problemi a numerose imprese, soprattutto alle più piccole, quelle che hanno più difficoltà nell’accesso al credito e nel reperire liquidità, in un periodo in cui occorrerà versare anche le tredicesime ai dipendenti» sottolinea Davide D’Onofrio, direttore di Confapi Padova, l’Associazione delle Pmi del territorio.

«Occorre ribadirlo: solo con la diminuzione del carico fiscale – continua D’Onofrio – su una parte considerevole delle famiglie e delle imprese i consumi potranno ripartire, tornando dare a respiro anche alle attività commerciali e artigianali che vivono basandosi in gran parte sulla domanda interna. Imprese e consumatori sono schiacciati da una morsa che ne compromette la capacità di spesa e di generare ricchezza. Inoltre – aggiunge D’Onofrio – resta l’amara consapevolezza della destinazione di queste risorse levate alle imprese e ai lavoratori. Un grande sacrificio che non vede riscontro nelle necessarie riforme che ci aspettiamo nel paese e nella definizione di una politica industriale di medio-lungo termine che sappia offrire nuove prospettive che diano un significato positivo a questo ulteriore salasso».

Tags: ,

Leggi anche questo