«Donne, un cervello diverso»: bufera sul tosiano Zelger

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Dopo le opposizioni interne e le polemiche con il movimento Lgbt, il consigliere  tosiano Alberto Zelger chiude il cerchio facendo infuriare buona parte della società civile.

«Le donne hanno un cervello diverso da quello degli uomini, basta leggere gli studi scientifici e guardare come parcheggiano le auto – aveva detto venerdì durante un  dibattito in Gran Guardia sulle unioni omosessuali  -basta guardare, se la parte sinistra del cervello di un uomo viene colpita lui smette di parlare, mentre la donna continua».

«Sono basita – esordisce la compagna di partito Katia Forte – mi ritengo offesa da questa uscita. A Zelger faccio presente, tanto per andare nel concreto, che io, ad esempio, faccio da madre e padre, mi occupo di amministrazione pubblica e in più lavoro. Mi auguro che il collega chieda subito scusa pubblicamente a tutte le donne». Le donne del Pd si scatenano, con l’eurodeputata Alessandra Moretti, che  twitta: «Premio idiozia del giorno al pluridecorato consigliere Zelger» postando una foto in rosa dal centro anti-violenza di Padova.

La parlamentare grillina Francesca Businarolo, seguita a ruota dalla coordinatrice di Scelta Civica Mariangela Fogliardi invocano a gran voce le dimissioni del consigliere. «Parole offensive, usate periodicamente per non riconoscere gli stessi diritti non solo alle donne, ma anche alle lesbiche e ai gay – spiega Businarolo – parole offensive per la comunità intera. Zelger si dovrebbe dimettere. Per fortuna i veronesi sono molto più intelligenti e al passo di lui». Piovono critiche da ogni dove, anche monsignor Bruno Fasani si chiede «Cosa gli è saltato in mente? Spero sia una boutade, anche se pessima. Quello che sa fare l’uomo sa fare anche la donna. Ed è dai tempi di Adamo ed Eva che è sancita la parità».

Tags:

Leggi anche questo