Vicenza, mobilitazione antifascista contro Fiore (FN)

Dopo gli scontri del 30 novembre dell’anno scorso si prospetta una nuova giornata di tensione per Vicenza. Come per l’anno scorso, l’origine delle preoccupazioni risiede nelle reazioni dell’area antagonista rispetto all’attività nel capoluogo berico di Forza Nuova. Roberto Fiore, segretario nazionale del gruppo neofascista, ha infatti annunciato la sua presenza in città per una conferenza stampa sul caso dei soldati americani in quarantena presso la base Ederle.

Pronta è stata la reazione del Centro Sociale Bocciodromo che ha convocato una manifestazione di protesta contro la presenza di Fiore in città. Si legge nel comunicato stampa degli autonomi vicentini: «Annunciamo una giornata di mobilitazione per manifestare tutta la nostra ostilità di fronte alla presenza di uno dei fondatori negli anni settanta del movimento “Terza Posizione”. Rifiutiamo nettamente questa strumentalizzazione della “questione ebola” per alimentare paura, xenofobia e guerra tra poveri. Fiore può stare tranquillamente a casa sua, sia perché non abbiamo bisogno di farci spiegare cosa siano le servitù militari e sia perché Vicenza è una città accogliente, che non accetta la presenza di fascisti di vecchia e nuova data».

Tags: ,

Leggi anche questo