Cipe, pressing per Orte-Venezia, Tav e Valdastico Nord

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La riunione di ieri del Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) ha deliberato su alcune importanti opere nella regione Veneto. In primo luogo il finanziamento di più di un miliardo di euro per il completamento del Mose (i cui lavori finiranno però solo nel giugno 2017). Novità anche per l’alta velocità nella tratta Verona-Vicenza-Padova: il Cipe ha disposto la procedura per giungere alla reiterazione del vincolo preordinato all’esproprio, fase procedurale indispensabile per consentire il regolare avvio delle opere; il vincolo è il medesimo previsto sin dall’avvio della progettazione avvenuta nel 2005. La notizia giunge quasi in contemporanea alla richiesta dei sindaci dei comuni veronesi interessati dall’opera di compensazioni ambientali e infrastrutturali.

Sulla Valdastico Nord, nonostante l’opposizione della provincia autonoma di Trento, il Cipe ha riconosciuto la sua strategicità per le possibilità di collegamento e di sviluppo del Veneto centrale con le aree a Nord e con il centro Europa, invitando gli enti interessati a giungere ad un accordo. Infine sulla Orte-Mestre, la nuova autostrada che dovrebbe collegare il Veneto con il Lazio, il Cipe ha dato il via alla fase realizzativa, con lo sviluppo della progettazione e l’esecuzione delle opere in regime di finanza di progetto; in tal senso è stata pure valutata positivamente la proposta di “defiscalizzazione” a favore dell’appaltatore che consente di compensare la prevista quota di finanziamento pubblico dell’opera – ammontante a circa 1,87 miliardi di € – con agevolazioni fiscali per l’appaltatore medesimo, in termini di Irap, Ires e Iva, sia in corso di costruzione che durante la gestione.

Oggi arriva il commento positivo del Sottosegretario all’ambiente, l’esponente padovana di Nuovo Centro Destra Barbara Degani: «In un momento difficile come questo – conclude – investire nella rete infrastrutturale vuol dire dare una mano all’economia favorendo una più facile circolazione delle persone e delle merci».

Tags: ,

Leggi anche questo