Jesolo, stagionali truffano Inps per 3 milioni

La Guardia di Finanza di Jesolo, al termine di un’indagine condotta fianco a fianco all’Inps di San Donà di Piave, ha scoperto 331 lavoratori stranieri che dal 2005 al 2013 hanno ricevuto assistenza dall’ente previdenziale senza averne diritto per circa 3 milioni di euro. Il meccanismo era semplice: gli immigrati lavoravano nel litorale jesolano durante i mesi mesi estivi, al termine dei quali iniziavano a percepire un sussidio di disoccupazione di circa 1200 euro al mese.

I lavoratori però non rimanevano a casa durante la bassa stagione, ma tornavano invece nei paesi di origine a lavorare (perdendo quindi il diritto al sussidio di disoccupazione), per poi tornare in Italia con l’inizio della nuova stagione turistica. E’ intenzione dell’Inps recuperare interamente i 3 milioni, aggiungendone altri 2,5 di sanzione. «La notizia positiva – sottolinea il direttore dell’Inps di San Donà Angelo Marra – è che risparmieremo due milioni di euro sulle indennità dell’anno prossimo. I “furbetti” hanno già cominciato a pagare le sanzioni, se non lo faranno procederemo con il pignoramento del loro stipendio».

Tags:

Leggi anche questo