Spot radio, Pd: «Zaia spreca soldi pubblici»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Trenta secondi su alcune radio locali sono costate al governatore Luca Zaia un esposto alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti. A presentare la denuncia il consigliere regionale Pd Piero Ruzzante, imbufalito per la nuova forma di comunicazione scelta dal presidente della regione: alcuni brevi spot radiofonici in cui si attacca il Governo Renzi per la legge di Stabilità. «Ma come, non ci sono i soldi per il sociale, per pagare le rette degli asili – spiega Ruzzante – e la giunta regionale spende 1,8 milioni di euro in spot tv e radio: basta, la misura è colma. Non è accettabile che con soldi pubblici di tutti Zaia vada in radio a raccontare in spottoni che è giusto che paghino altre regioni. Dov’è la campagna comunicativa istituzionale? Dove è l’interesse generale? Dove è l’impersonalità del messaggio, visto che si sente forte e chiara sempre la voce di Zaia, che può dire quello che vuole ma se lo paga di tasca sua».

«È un mese – continua Ruzzante – che ho richiesto alla sua segreteria e all’ufficio stampa della giunta regionale copia delle comunicazioni televisive e delle pillole radiofoniche e nonostante la legge sulla trasparenza non ho mai ricevuto nulla. Perfino il Corecom ha espresso parere contrario alla delibera sugli spot radiofonici. Nelle prossime ore presenterò un esposto alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti nel quale evidenzierò l’uso non congruo delle risorse e farò una segnalazione al Corecom sulla disparità degli spazi messi a disposizione nelle reti pubbliche regionali a favore della giunta e della maggioranza. Zaia si preoccupi degli sprechi e degli scandali del Veneto piuttosto che scaricare le responsabilità sempre e solo sugli altri anche perché quando al governo c’era lui il Veneto ha conosciuto i tagli più rilevanti nei trasferimenti di risorse centrali. Che oggi ci venga a fare la lezioncina – conclude Ruzzante – dopo aver tagliato al Veneto 810 milioni in due anni (governo Berlusconi, Zaia ministro, decreto Tremonti tagli al Veneto 2010: 360 milioni e nel 2011: 450 milioni) è veramente inaccettabile».

Tags: ,

Leggi anche questo