Vicenza, fiabe “gay friendly” per bambini

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Anche quest’anno l’Associazione Agedo Vicenza per il Triveneto (Associazione Genitori di omosessuali e transessuali) organizza il concorso letterario “TE LO DICO CON UNA FIABA – fiabe e racconti sulle differenze”. Il concorso, organizzato in collaborazione con l’Arcigay di Vicenza, è «rivolto a tutti i cittadini, italiani e non, dai 18 anni in su, si svolge dall’11 novembre 2014 al 30 aprile 2015. L’obiettivo è dare voce ai temi cari alla comunità Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali, trans), con particolare attenzione al tema dell’identità, della cura e dell’accettazione di sé e dell’altro, nella convinzione che la condivisione di esperienze personali possa far comprendere le esigenze irrinunciabili di chi, in una società moderna, laica e solidale, non può e non deve restare nell’ombra».

«Partendo dal presupposto che i pregiudizi non sono innati – spiega una nota degli organizzatore – e che i bambini sono spesso assai più liberi degli adulti, le fiabe e i racconti saranno creati per rappresentare le più varie realtà familiari, fatte di bellezza e di innocenza, di peculiarità che sono ricchezza, di amore, di rispetto reciproco, di responsabilità. Fiabe e racconti come risposta alle tante domande dei bambini -universi unici e meravigliosi, come aiuto a confrontarsi con l’alterità, il diverso da sé. Un insegnamento molto importante in un periodo storico che vede la famiglia cosiddetta “tradizionale” declinarsi in nuovi tipi di famiglie: dalla allargata alla monogenitoriale, dalla adottiva alla ricomposta, fino a quella omogenitoriale. Realtà diverse, ognuna con la propria dignità e unicità, opportunità di crescita per ogni bambino, qualsiasi sia la sua storia. La nostra è una piccola azione – conclude la nota – in un momento di grandi cambiamenti: desideriamo, attraverso la cultura, contribuire al raggiungimento del rispetto reciproco, per abbattere le barriere che derivano dalla non-conoscenza».

Tags: ,

Leggi anche questo