Amazon-Hachette, pace fatta: autori tutelati

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Firmata la pace tra Amazon e Hachette dopo una lunga disputa che coinvolgeva anche gli autori. Ieri i due gruppi hanno annunciato di aver firmato un nuovo contratto pluriennale: dal 1° gennaio 2015, la casa editrice può decidere il prezzo degli ebook lasciando alla biblioteca online americana uno spazio di manovra per gli sconti. L’accordo dovrebbe lasciare al livello attuale i guadagni degli scrittori.

Michael Pietsch, amministratore delegato di Hachette l’ha definita «una grande notizia per gli scrittori, un accordo di cui gli autori trarranno benefici per anni, che dà ad Hachette enormi possibilità di marketing con uno dei più importanti partner per quanto riguarda la vendita di libri». Canta vittoria anche Amazon, che attraverso David Naggar, vice presidente di Kindle, fa sapere che «il nuovo accordo include specifici termini finanziari che incentivano Hachette ad abbassare i prezzi, cosa che riteniamo una grande vittoria per i lettori e per gli autori».

900 scrittori (non tutti pubblicati da Hachette), guidati da Douglas Preston — tra cui Paul Auster, Donna Tartt, Jay McInerney, Stephen King, John Grisham, Scott Turow — avevano scritto un manifesto contro il più potente distributore di libri del mondo, pubblicato sul New York Times», mentre pochi giorni dopo è arrivata la risposta degli scrittori editi da Amazon (tra cui Hugh Howey e J. A. Konrath) che elogiavano la politica degli sconti di Amazon. Ora la guerra si è conclusa.

Tags:

Leggi anche questo