Balletto tasse, Bankitalia: colpo a mercato immobiliare

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«In un quadro di persistenti difficoltà reddituali, l’incertezza circa il trattamento fiscale della proprietà immobiliare potrebbe aumentare lo squilibrio tra offerta e domanda di abitazioni, con effetti negativi sui prezzi di mercato». Così il Rapporto sulla stabilità finanziaria della Banca d’Italia, che ha confermato le tesi delle associazioni di proprietari e agenti immobiliari sul ruolo di Imu e Tasi nella contrazione del mercato immobiliare.

«Secondo nostre valutazioni – continua il Rapporto -, il calo dei prezzi delle abitazioni in Italia è in linea con la debolezza del reddito disponibile delle famiglie, con le condizioni del mercato del credito e con gli effetti negativi dell’incertezza circa la struttura della tassazione a carico della proprietà immobiliare». Più nello specifico, l’istituto di Via Nazionale analizza l’effetto negativo portato dai continui cambiamenti della normativa fiscale.

Ma non ci sono solo Imu e Tasi. Il nuovo Isee (Indicatore della situazione economica equivalente), in vigore dall’anno prossimo si configura per Confedilizia come una nuova tassa sul mattone:  «Si tratta – sostiene l’associazione dei proprietari – di una nuova tassazione della casa, falsa e surrettizia, a danno soprattutto dei piccoli proprietari, e cioè della stragrande maggioranza». Il calcolo del valore degli immobili definito ai fini Imu è infatti «tale da escludere automaticamente dalle prestazioni sociali agevolate un alto numero di proprietari di casa che a tali prestazioni hanno invece diritto sulla base dell’attuale indicatore, che si fonda sull’imponibile Ici. Come noto, infatti, ai fini dell’Imu il valore delle abitazioni è stato elevato del 60%».

[pro_ad_display_adzone id=11]

Tags: ,

Leggi anche questo