Villafranca, una via al repubblichino Cardelli

Dopo la proposta (andata a vuoto) di intitolare una piazza di Monselice a Benito Mussolini, arriva un’altra proposta destinata a riaprire le ferite lasciate dalla guerra civile. L’amministrazione comunale di Villafranca ha infatti deciso di intitolare una via della frazione di Rosegaferro a Niccolaio Cardelli, un repubblichino toscano ucciso vicino al cimitero del paese poco dopo la Liberazione. Autori del gesto furono tre villafranchesi che lo stesso aveva rastrellato appena un mese prima.

Per l’amministrazione del comune veronese «la morte del Cardelli è avvenuta in condizioni particolari e si vuole ricordare un periodo della storia recente che non deve essere dimenticato», nel segno della riconciliazione. La minoranza di centrosinistra è insorta di fronte alla proposta, e lo stesso presidente dell’istituto per la storia della Resistenza di Verona Stefano Biguzzi sottolinea sulle colonne dell’Arena come «il rischio sia di cadere in uno strabismo delle politiche della memoria perdendo di vista gli assi cartesiani di libertà e democrazia su cui, attraverso una serie di tragici passaggi, si è costruita la nostra convivenza civile».

Tags:

Leggi anche questo