Auditorium Padova, «sprecati 300 mila euro»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

L’assessore all’Edilizia comunale di Padova Fabrizio Boron ha annunciato di aver segnalato alla Corte dei Conti la vicenda dell’auditorium di Padova, opera progettata dalla giunta Zanonato e mai realizzata. Per la progettazione preliminare sarebbero stati spesi 300 mila euro in poco meno di dieci anni: troppi per l’assessore Boron. «Il tutto inizia a maggio del 2006 – rievoca Boron – quando la giunta Zanonato indice un concorso internazionale per la progettazione dell’’Auditorium. Vince il concorso l’architetto Alberto Cecchetto, ma il secondo classificato, architetto Klaus Kada, fa ricorso. E qui iniziano i primi sprechi: il Comune paga due avvocati esterni per resistere in giudizio, costo euro 18.360. Peccato che la causa sia persa e che i padovani siano costretti a pagare all’’architetto Kada 100mila euro, quale premio previsto dal bando».

«A questo punto iniziano le attività propedeutiche alle indagini idrogeologiche per la realizzazione dell’auditorium: prima fase euro 145.096,44 (gennaio 2011) ai quali si aggiungono 2.400 euro per rilievi topografici (febbraio 2011), 18.342 euro per indagini ambientali (settembre 2011), poi ancora 10.527 euro per altre indagini (dicembre 2011) ed infine altri 2.359,50 per completare sempre le indagini ed avere un quadro completo della situazione idrogeologica (marzo 2012). Fino a qui sono spesi euro 297.084,94». Conclude Boron: «L’auditorium lo realizzeremo noi, in fiera, con il centro congressi –  conclude l’assessore – senza sprechi di tempo e di soldi dei padovani».

Tags: ,

Leggi anche questo