Belluno, prof rubava a bidella: si suicida

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Non ce l’ha fatta a sopportare la pressione l’insegnante sessantenne che nelle scorse settimane aveva conquistato gli onori della cronaca dopo essere stato colto in flagrante mentre rubava qualche euro dalla borsetta di una bidella del suo istituto comprensivo. E’ stato infatti ritrovato senza vita nell’androne della palazzina di Lozzo di Cadore dove abitava, dopo che i vicini avevano lanciato l’allarme. Nessun biglietto di addio, ma i carabinieri della Compagnia di Cortina d’Ampezzo hanno accertato e confermato l’ipotesi del suicidio.

L’insegnante di educazione fisica, da appena due anni entrato in ruolo dopo una vita da precario, aveva confessato anche altri piccoli furti ai danni della collaboratrice scolastica. A ricordarlo il sindaco di Santo Stefano di Cadore Alessandra Buzzo, a sua volta dipendente del medesimo istituto comprensivo, sulle colonne del Corriere del Veneto: «Lo ricordo come una persona mite, rispettosa e buona. Probabilmente però era anche solo e fragile. Quello che ha fatto nelle scorse settimane non è bello e non ne comprendo il motivo, ma comunque mi dispiace tanto. È finito sulla bocca di tutti e probabilmente non ha retto».

Tags:

Leggi anche questo