Rovigo, Saccardin: «servizi sociali a picco»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Nella Rovigo commissariata arriva la denuncia di Gianni Saccardin, già candidato sindaco di “Presenza Cristiana”: i servizi sociali sarebbero “a picco”. La colpa non andrebbe attribuita, secondo l’ex assessore comunale, al commissario Claudio Ventrice quanto piuttosto a «l’inadeguatezza di larga parte della politica», in particolar modo all’ultimo periodo dell’amministrazione Piva.

«Noi non abbiamo voluto neanche un posto – spiega Saccardin al Corriere del Veneto – ci avevano proposto d’individuare un consigliere in Fondazione Cariparo. Per noi c’era il problema di salvare il Sociale: eravamo pronti ad approvare il bilancio e, il giorno dopo, abbandonare la maggioranza e la giunta senza contropartite. Invece, tutto è caduto prima e ora ci troviamo privati di 100 mila euro di contributi per le scuole paritarie. Poi, per la prima volta dopo 10 anni, viene meno il fondo per le famiglie monogenitoriali, per cui nel 2013 c’erano 50 mila euro. Non c’è più il servizio di trasporto per i disabili non deambulanti. Anche l’assistenza domiciliare ha visto una riduzione di 180 mila euro».

Tags: ,

Leggi anche questo