Galan conserva seggio (e stipendio) da deputato

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Gli avvocati di Giancarlo Galan,  Antonio Franchini e Niccolò Ghedini, hanno annunciato il ricorso in Cassazione per la vicenda Mose. Tale atto permetterà di dilazionare il passaggio in giudicato della sentenza e, quindi, la sua esecuzione. In tal modo l’ex ministro delle Politiche agricole e dei Beni culturali potrà conservare il suo seggio di parlamentare (nonché la presidenza della commissione Cultura – non è infatti previsto l’istituto della fiducia per i presidenti di commissione) e la conseguente indennità di deputato.

Inoltre l’ex governatore potrà conservare la villa di Cinto Euganeo se, entro tre mesi dal passaggio in giudicato della sentenza di patteggiamento, riuscirà a versare al Fondo Unico di Giustizia di 2,6 milioni di euro. In ottobre Galan aveva patteggiato due anni e dieci mesi di reclusione.

Tags: ,

Leggi anche questo