Net Engineering, pignorati 30 milioni alla Regione

La Net Engineering passa ai fatti sulla vicenda dei compensi reclamati alla Regione per la progettazione e la direzione della realizzazione del sistema ferroviario metropolitano. Dopo che il lodo arbitrale era stato depositato in maggio alla Camera arbitrale per i lavori pubblici e che in ottobre la Corte d’appello aveva respinto il ricorso della Regione, dieci giorni fa l’azienda di Monselice aveva fatto notificare alla Regione l’atto di precetto per il pagamento di 30,4 milioni. Ieri, infine, è scattato il pignoramento e tale somma è stata sequestrata alla Tesoreria regionale.

Nonostante la vicenda sia legata alla gestione Galan, l’opposizione ha commentato molto duramente le ultime novità. Secondo Alessandra Moretti, candidata alle primarie regionali del centrosinistra: «Non possiamo permettere questo enorme spreco di denaro pubblico che avrebbe potuto essere investito per ridurre i tagli al fondo per il sociale o per maggiori e più efficienti servizi di trasporto pubblico: solo con gli interessi di mora si mantengono la metà delle scuole materne e degli asili nido paritari. Chiedo al presidente del Veneto di fare immediatamente chiarezza».

Tags:

Leggi anche questo