Venezia aggredita: 27 milioni di turisti

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Riprese a Venezia le attività di revisione della dotazione regolamentare comunale, tra cui quella già in fase avanzata di lavorazione relativa al regolamento edilizio: «Tra gli obiettivi del nuovo regolamento non poteva non trovar spazio la gestione delle criticità correlate al degrado urbano ed all’intensivo uso turistico del più grande monumento del mondo oggi, aggredito da almeno 27 milioni di turisti». A dirlo il commissario straordinario Vittorio Zappalorto sul progetto di un’ordinanza che vieterà in città i trolley con le ruote di gomma piena a favore di quelle gonfiabili. La definizione del nuovo testo, spiega il commissario, è attualmente «nella fase della concertazione con gli ordini professionali e categorie». Un articolo della bozza del regolamento, aggiunge Zappalorto, «si prefigge di gestire la tutela dei luoghi pubblici (ponti e calli) e il crescente inquinamento acustico che la mobilità di una città che sposta merci e cose senza automobili, costringe su mezzi a ruota a spinta».

E’ stato inoltre proposto agli interlocutori del tavolo di concertazione la disposizione che vieta in tutto il centro storico l’uso di mezzi di trasporto per materiali, cose o persone «su ruote, che non siano su gomma o pneumatico gonfiato ad aria o liquidi». La norma, secondo il commissario, vuole anche rispondere alle istanze «dei numerosi cittadini che in questi ultimi anni si sono rivolti all’amministrazione segnalando il grave disagio che subiscono nelle proprie abitazioni legato alla movimentazione di merci e cose in orari acusticamente protetti dalla legislazione (fasce notturne o del primo mattino), dove si concentrano i maggiori disagi acustici ingenerati dalle forniture di attività commerciali (bancali di merci) o turistiche (biancheria da camera)». Il tutto combinato, ricorda, ad una pavimentazione storica costituita da “masegni” come quella veneziana, peraltro tutelata da una legge nazionale.

Tags: ,

Leggi anche questo