Vitalizi regionali, ex consiglieri: ce li teniamo

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Più di undici milioni di euro l’anno: tanto è il costo sostenuto dai contribuenti veneti per pagare i vitalizi ai 226 ex consiglieri regionali (e alle 45 vedove che percepiscono la reversibilità). Tanti soldi, in un periodo di tagli che colpiscono soprattutto la sanità e i servizi sociali. Per questo potrebbe sembrare di assoluto buon senso la proposta del sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti (Scelta Civica) di eliminare retroattivamente tutti i vitalizi.

Non per gli ex consiglieri regionali, che si sono convocati d’urgenza domani mattina al Comune di Mirano per discutere proprio «il tanto dibattuto tema dei vitalizi». E se gli attuali consiglieri regionali si sono già eliminati il vitalizio per il futuro, la stessa disponibilità non pare essere confermata dal presidente dell’associazione degli ex consiglieri, il socialista Luigi Covolo (già assessore regionale alla Sanità e implicato nelle inchieste di Tangentopoli).

Tags: ,

Leggi anche questo

  • zenocarino

    Dopo tutte le leggi applicate con “effetto retroattivo, come la legge “Severino”, di cui la vittima più illustre fu Berlusconi (ma che non ha interessato stranamente l’ex Magistrato e ora Sindaco di Napoli, De Magistris), l’indecenza del “blocco” del congegno di rivalutazione automatica delle pensioni e tutte le nuove norme che stanno colpendo e penalizzando in modo vergognoso “i lavoratori”, perché non aiutare questi “poveracci” (speriamo non si offendano), che negli anni di quattrini ed altri “bonus” ne hanno presi tanto pochi???????
    In generale stiamo diventando sempre più il Paese di Ridolini, di Arlecchino e di Pulcinella, ma il fatto, questo fatto, riguarda la nostra terra, la nostra Regione, i nostri Amministratori in cui il “popolo veneto” si riconosce e di cui non dovrebbe vergognarsi.