Zaia in Russia: «mercato prezioso»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Ho trovato piena disponibilità a dialogare e la comune volontà a consolidare i reciproci rapporti nonostante le sanzioni». Così il presidente della Regione Luca Zaia ha dato conto degli esiti della sua missione a Mosca da cui è rientrato ieri e nel corso della quale ha incontrato il vice primo ministro Arkady Dvorkovich, il vicepresidente del Comitato Industria della Duma che si occupa delle relazioni con le imprese Pavel Dorokhin e il vicepresidente del Consiglio della Federazione russa (Camera alta) Ilias Umakhanov.

«La Russia – ha detto Zaia – è per il Veneto un mercato prezioso, che crea ricchezza e lavoro. Le sanzioni si potevano tranquillamente evitare e altri Paesi hanno trovato soluzioni per aggirarle. Non vorrei che fosse l’Italia l’unica ad applicarle. L’export del Veneto verso la Russia è quasi di 2 miliardi di euro e le sanzioni pesano per 500 milioni. La preoccupazione dei nostri imprenditori è che si interrompano le relazioni commerciali sin qui costruite e che la Russia si rivolga ad altri mercati. Altro rischio che non possiamo permetterci è di perdere i flussi turistici dalla Russia».

Tags: ,

Leggi anche questo