Vicenza, M5S: musei, dov’è finito l’esperto di Bergamo?

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Nel novembre del 2013 il Comune di Vicenza aveva stipulato un accordo con l’università di Bergamo per l’attività di valorizzazione del patrimonio artistico civico. Costo del patto: 40 mila euro l’anno per cinque anni, per un totale di 200 mila euro. Che qualcosa fosse andato storto lo si era capito già nell’aprile di quest’anno, quando il giornale online La Nuova Vicenza aveva riportato che l’esperto incaricato dall’università lombarda di seguire l’impegno, il professor Giovanni Carlo Federico Villa, non aveva ancora iniziato il suo compito.

Oggi, a un anno esatto dalla stipula dell’accordo, il consigliere di minoranza Liliana Zaltron (M5S) chiede conto all’amministrazione dello stato dell’arte. Al centro dell’interrogazione presentata dalla consigliera pentastellata è la richiesta di poter accedere al report che l’Università di Bergamo dovrebbe aver consegnato al comune a fine giugno; inoltre Zaltron chiede di sapere quanti soldi siano stati effettivamente erogati fino ad oggi e la visione del registro delle presenze a Vicenza del responsabile scientifico.

Tags: ,

Leggi anche questo